Settembre da incubo: il ritorno di Will&Grace e Daniele Bossari al GF Vip

Settembre è il mese del male assoluto, un mese da incubo. Ci potrebbe fare una serie tv con Gordon Ramsey.

Tanto per iniziare è il mese successivo a quello in cui hai compiuto 35 anni, solo che non ci sono il sole caldo, il mare e le ferie a coccolarti.

Poi è il mese in cui capisci quanto la routine sarà devastante per il prossimo anno.

Infatti che è il primo mese in cui fai i conti con il fatto che, senza fidanzati (immaginari o meno) e con il lavoro che forse figo-ma-anche-basta, l’happening più eccitante della tua giornata è portare il cane al parco. E che lo sarà anche per i prossimi mesi, quando le condizioni climatiche saranno vicine a quelle di Miami mentre Irma spazzava via tutto.

 

Insomma settembre è quel mese in cui ti trovano bello solo la tua analista (lautamente pagata per lavorare sulla tua autostima) e il povero sventurato di turno degli anni ’90 che frequenta casa tua in questo periodo (e tua madre è omessa perché l’ultima volta che ti ha visto ha avuto da ridire su parecchi punti).

Senza contare che, essendo preda di tutte le malattie stagionali, per sopravvvivere usi un cocktail di medicine e alcol tale che la sera sembri un incrocio tra Sue Ellen e Marylin Monroe la sera in cui c’è rimasta secca.

 

Come se questo background tetro non bastasse, accendi la tv e trovi la nuova serie di Will&Grace e Daniele Bossari al Grande Fratello Vip.

 

Ora direte, cosa c’è di male, anzi Will&Grace è una vita che lo aspettavi e Daniele Bossari è più innocuo di un impotente senza Viagra.

 

Ecco, invece no.

Will&Grace erano, quando avevi 20 anni o giù di lì, l’immagine dei trentenni che aspiravi a diventare (cioè più Will che Grace).

Bello, di successo, cinico e con un’amica vera con cui condividere la vita, che notoriamente è molto meglio di un fidanzato fedifrago.

E poi l’amico che se ne frega dei giudizi della gente e insegue il suo sogno (che sia essere un infiermiere o un attore poco importa) e la conoscente ricca e alcolizzata con la servitù centroamericana.

Insomma era una vita quasi perfetta, rappresentando per te quel punto di riferimento generazionale che Sex&The City è stato per le donne represse dello stesso periodo.

 

Ora, non vivi con la tua migliore amica e la servitù è da Ucraina e non da El Salvador ma hai avuto un discreto successo professionale, sei pieno di amici che sono fieri di essere chi sono e le persone alcolizzate non ti mancano di certo.

Quindi, in questo maledetto settembre, accendi lo streaming e felice ti metti a vedere che sarà della tua vita tra qualche anno.

E qui un colpo.

 

Will è deperito, Grace si è gonfiata, Jack è l’ombra di se stesso, Karen è proprio invecchiata e soprattutto senza servitù.

 

Poi passi su Canale5 (cioè Mediaset Extra, perché sì, sei così sfigato che nelle notti insonni guardi il GF in diretta) e ti trovi Daniele Bossari.

Per essere chiari, Daniele Bossari è uno che quando tu avevi 15 anni e lui 25 incontrava tutti i cantanti del momento, parlava un inglese perfetto in modo talmente normale che hai pensato che fosse davvero necessario impararlo per essere cool e si è sposato con una figa astronomica (non che la cosa a te interessasse particolarmente ma è chiaro che Filippa sia una gran bella donna). Dicevi che una sera passi su Mediaset Extra e te lo trovi con la piazzetta in testa, più vicino a Magari che al VJ che ti ricordavi, che dice ai suoi compagni, con un entusiasmo disarmante: dai facciamoci una pasta di notte, che figo!

Cioè nell’arco della stessa settimana di settembre, già provato dal tuo percorso personale, vedi i tuoi punti di riferimento del passato, immagine del te che sarai, deperiti e un po’ intristiti e uno che probabilmente ha fatto party e after con i personaggi più fighi degli anni ’90 che ora si eccita per una spaghettata notturna (oltre a non fare nulla per un evidente principio di calvizia).

 

Questo è stato il colpo finale, che ti ha fatto dubitare di arrivare ad ottobre tutto intero.

 

Perché hai voglia a dire che gli uomini invecchiando acquistano fascino ma, con queste premesse, ti senti come una sposa sotto il diluvio che si sente ripetere: sposa bagnata, sposa fortunata.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: