Gli ultimi dell’ultima

Uno esce di casa e si dice: stasera si torna in compagnia.
E sistematicamente si torna soli.
Uno esce di casa e si dice: è l’ultima del Plastic, stasera ballo fino a morire, se proprio venisse fuori un durello ci si pensa andando su Grindr dopo la serata.
E succede che non uno ma ben tre maschi si palesino alla tua porta.
Il primo è un conoscente di vecchia data a cui hai fatto molto poco pudicamente il filo [adori utilizzare parole retrò come “fare il filo”].
Ti vede e come saluto ti ficca la lingua in bocca.
Poi ti rivede e ti si struscia.
Poi ti dice di scendere dal privè.
Poi smette di cagarti.
Ora mio caro, cerca di fare pace col cervello.
Tra tutti i batacchi disponibili, proprio con quello che ti è morto dietro devi divertirti?
Forse sarebbe stato adatto al suo caso il secondo che intorno alle 6 e mezzo ha cercato di farti concludere la serata ballando sul letto, prima toccandoti il batacchio dai pantaloni, poi il sedere, poi limonandoti con morsi violenti e poi infilandoti le mani dentro i pantaloni.
Ora, a parte che se uno ti dice di no una volta lo dovresti capire da solo che non è aria, ma secondo te, dopo che uno è al Plastic dall’una, ha fatto a botte per entrare, ha fatto a botte per uscire, ha fatto a botte per rientrare, ha fatto a botte per prendere da bere, ha sopportato un caldo asfissiante e angoli che olezzavano come manco lo spogliatoio della nazionale di rugby dopo un incontro lungo tre giorni, dopo che uno ha sopportato tutto questo per sentire l’ultimo disco del Bordello, secondo te ha voglia di trombare?
Tra l’altro il punto è che non riuscivi manco a metterlo a fuoco tra il buio e l’alcol.
Infine c’è stato il timido ubriaco.
Uno, bono sia chiaro, che si era fatto il Dottorino.
Veniva da te e biascicava qualcosa poi se ne andava.
Ora le domande che gli avresti voluto fare sono state in sequenza:
          ci conosciamo?
          sei solo ubriaco o hai intenzioni bellicose veramente?
          visto che ci siamo e se proprio bisogna perdersi l’ultimo disco del Bordello: sei sicuro che con tutto l’alcol che hai in corpo, il batacchio riesca a rintoccare?
Ma la verità è che erano le tue di intenzioni a non essere bellicose.
E allora sei tornato a casa da solo.
A scopare, sì, ma l’oro che 2P si era cosparso in corpo prima di uscire.
PS Si potrebbero scrivere tante cose dell’ultima del Plastic.
Si potrebbe raccontare di gente che piangeva.
Di gente che urlava è finita un’epoca.
Di un’atmosfera che era emozionante mentre suonavano gli ultimi dischi.
Ma l’argomento è stato talmente trito e ritrito per tutta la settimana da gente che sembrava che non avesse una vita al di fuori di viale Umbria 120 che ti veniva l’orticaria solo al pensiero di mettere giù due righe melense.
Anche se, a fine serata, un po’ di magone è venuto anche a te.

Una risposta a "Gli ultimi dell’ultima"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: