Il nostro amore appena nato è già finito

Uno dei problemi di essere tornati single è che ci si era precedentemente abituati ad un uso più romantico del sesso.

Coccole, chiacchiere, baci.
Insomma non solo orgasmo.
Riaffacciandoti al mondo trovi difficile trovare un equilibrio.
La cosa più naturale che ti verrebbe è l’approccio take away. Non ti importa il suo nome. Non ti importa che fa nella vita. Chi se ne frega della quantità di cellule grigie operanti.
Unici punti di interesse sono zone del campo dove il tuo amante gioca – difesa, centrocampo o attacco -, quanto porta in dote dalla sua famiglia e che si prodighi a farti raggiungere la gioia.
Punto di forza dell’approccio take away è quindi l’essere proteso al tuo unico piacere.
Punto di debolezza è che dopo il raggiungimento della gioia, tutto si fa immediatamente meno sexy. E il tempo che ci mette il tipo di turno a recuperare le mutande, vestirsi e uscire dalla porta da dove è entrato sembra sempre interminabile. Senza contare di quando vogliono fare pure il bidet. Ma tieni il batacchio unto per 10 minuti e lavati a casa tua, no?
Quindi a volte capita che tu possa procedere per l’approccio facciamo-finta-di-non-esserci-rimorchiati-al-supermercato. E quindi tante chiacchiere per sapere come si chiama, cosa fa nella vita, per iniziare a guardare bene il suo volto e a godere della bellezza dei suoi difetti.
Poi si passa al letto, ma in modo graduale. E quindi baci, abbracci, preliminari di Champions League a go go. E dopo la gioia, chiacchiere nudi sul letto o sotto il piumone. A volte anche risate di gusto.
Punto di forza dell’approccio facciamo-finta-di-non-esserci-rimorchiati-al-supermercato è quello di rendere tutto più umano.
Punto di debolezza è che ti mette in gioco un po’ di più. E allora nascono i pensieri mentre si parla. Gli piacerai abbastanza? Sarà mica deluso di come sei dal vivo? Gli piacerà come baci?
Senza contare i pensieri del dopo. Avrà notato il rotolo di ciccia? Che avrà pensato vedendoti nudo? Potrai richiamarlo?
In altre parole, l’approccio facciamo-finta-di-non-esserci-rimorchiati-al-supermercato, altro non fa che farti sentire più coppia.
E a te che un po’ quel sentirsi coppia manca, confonde. Ti crea dei mini-innamoramenti repentini che potrebbero trasformarsi in mini-delusioni repentine, che però ci mettono più del mini-innamoramento a sparire.
Ad esempio, Rosso-un amore che non posso ancora troneggia nei tuoi penseri.
Bimbodoc e 16anni ci sei rimasto male quando ti hanno detto che si erano ammaritati.
E stasera tremavi perché Nestlè non rispondeva al tuo messaggio.
E Nestlè è emblematico anche per dare un volto anche al fatto che tu diventi subito più insicuro.
Eri da lui.
Chiacchierate.
Chiacchierate.
Chiacchierate.
Lui ti dice se vuoi andare a casa o fermarti ancora un po’.
Sei spiazzato.
Vuole andare al dunque o cacciarti.
Esiti.
Lui ti chiede se è come da foto o meglio.
Tu dici la verità. Meglio.
Lui ti chiede in che senso.
Tu bofonchi qualcosa ancora pensando al significato della prima domanda.
Chiacchierate.
Chiacchierate.
Lui non si fa avanti.
Allora tu decidi che è ora di andare.
Lo dici.
Lui ti ferma.
Ti dice che non capisce perché vai se ti piaceva.
O mentivi, chiede.
Tu in imbarazzo gli fai notare come alcuni elementi della conversazione, tipo quando raccontava con quanti modelli era stato, ti hanno fatto pensare al fatto che magari non ti voleva – e in quel momento senti che la tua pancia è enorme.
Ed è qui che lui ti guarda come per dire: sei proprio scemo.
Oppure anche, ma chi se ne frega chi mi faccio, voglio solo liberarmi da questo prurito testicolare.
Così capisci che sei preoccupato prima e preso in maniera strana dopo .
Ricreare quella sorta di intimità tra te e il tuo amante, quel cercare gesti e carezze, ti mette in pericolo.
Di pensare di continuo che il nostro amore, appena nato, è già finito.
E che però ti fa anche vibrare un po’ e sperare che magari ci sarà un nuovo Remolabarca prima di quanto pensi.
Però ci sono tre fatti.
Il primo è che è San Valentino da una buona mezz’ora e tu non vuoi proprio pensare all’amore oggi.
Il secondo è che comunque come dice Woody il sesso senza amore è (e resta a prescindere da tutto, aggiungi te) un’esperienza vuota. Ma tra le esperienze vuote è senza dubbio la migliore.
Il terzo è che un Vodka Lemon non ti mette in pericolo se non con la prova del palloncino.
E che allora, come al solito, Vodka Lemon sia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: