Tributo a Marina La Rosa


Fu lei in tempi non sospetti a farti conoscere il fenomeno del “gattamortismo”.
Fu lei a dimostrarti che la sensualità equivoca di un’occhiata e di un sorriso batte di gran lunga quella esplicita di un corpo muscoloso.

E in suo onore non perdi occasione per interpretarla, la gattamorta.
Al supermercato con il panettiere che quasi si infilava una baguette nel forno, in gelateria con il giovane proprietario, con il ragazzo alla pari di tua cugina che pagheresti per fare il babysitter a te e non ai tuoi nipoti, con il cameriere del ristorante…

Non basta mai. Perchè quando il gioco della seduzione inizia, la tua anima da gattamorta gode. Quasi come con un orgasmo.

Una risposta a "Tributo a Marina La Rosa"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: